Rapi lu menu principali
Nu ritrattu di nozzi parsi.

I Parsi sunnu seguaci du Mazdeismo ca nto l'VIII sèculu lassàrunu a Persia pi recarisi 'n Innia, nto Gujarat, pressu u re induista Jadav Rana. Attualmenti sunnu circa 100.000 pirsuni, u 70% dì quali vive ancùora 'n Innia, sopratuttu pressu Mumbai e parrànu a lingua dù Gujarati. L'avutra comunitati zoroastriana di l'Innia è rapprisintata da li Irani.

Definizioni e termìniCancia

U termìni Parsi nun è attestatu 'n testi zoroastriani innìani finu a lu XVII sèculu. Finu a ddù piriodu vinianu usati i termìni Zarthoshti (“Zoroastriani”) o Vehdin (“di bona natura” o “de la bona riliggìuni”). È 'n nu testu sanscrittu du XII sèculu, scrittu probabilmenti da nu hindu, ca si utilizza pi la prima vota u termìni. A prima funti europea risali a lu 1322, quannu u mònacu francisi Jordanus riferisci di la prisenza di parsi a Thana e Broach. U termìni ricorrerò 'n assai diari di viaggiaturi europei, prima purtughisi e francisi e ngrisi poi.

Appartinenti a li ParsiCancia

Cu è parsi è na questioni cuntraversa dintra a comunitati mazdea 'n Innia:

  • Un direttu discinnènti di li antichi populi rifugiati 'n Persia;
  • Na pirsuna formalmenti ammessa ni la riliggìuni mazdea (nnà stu sensu u termìni assumi na cunnòtazioni etnicu-riliggìusa).

Alcuni cumpunenti di la comunitati però sustengunu ca nu piccìriddu avi ad aviri nu patri parsi pi essìri ammessu nnà comunitati, ma chistu veni vistu da la maggìuranza comu na violazioni di principi zoroastriani di l'uguaglianza di gèniri e putissi essìri nu residuo di n'antica definizioni ligali di “parsi”.

Na definizioni ligali di “parsi”, spissu citata, si basa su na dicisioni du 1909 (ormai annulata) ca stabiliu nun sulu ca na pirsuna nun po' addìvintari parsi cunvirtennùsi a la fedi zoroastrana (ca era u casu 'n questioni), ma puru ca la comunitati parsi è cumposta da:

  1. Discinnènti di li emigrati persiani e ca sunnu nati da ginituri, tutti e dui ri riliggìuni zoroastriana;
  2. Da “Iranis” (intisu comu iraniani, nun avutri gruppi di zoroastriani innìani) di riliggìuni zoroastriana;
  3. I figghi di patri parsi e di matri nun parsi ca fu debitamenti e currèttamenti ammessa nnà riliggìuni.

Sta definizioni fu poi cchiù voti ribaltat. I principi di uguaglianza di la Costituzioni Inniana annullò i ristrizioni patrilineari espressa nto terzu puntu. A secunna clausola fu contestata e rovesciata nto 1948. 'N appellu, nto 1950, vinni accolta a sintenza du 1948 e l'intera defizinioni du 1909 fu ritenuta nu obiter dictum, cioè nu pareri datu 'n via incidentali e nun giuridicamenti vinculanti, dicisioni riaffermata nto 1966. Tuttavia, l'opinioni ca la dicisioni du 1090 sia ancùora legalmenti vinculanti, continua a esistiri, puru tra i parsi cchiù colti e mudirati.

Pupulazioni ParsiCancia

A stima tradizziunali du nummàru di Parsi nto munnu è di circa 100.000. U censimentu innìanu du 1981 cuntava 71.630 Parsi nto paisi. I dati di censimenti innìani annu evidenziatu u costanti declinu nto corsu di divìersi decenni. U censimentu du 1940-41, ni cuntava 114.890. U censimentu du 1951, ca riguarda sulu l'Innia, cuntava 111.791, i dati di succissivi censimenti evidenziarunu na diminuzioni du 9% ogni annu. Secunnu a National Commission for Minorities ci sunnu divìersi causi ca spieganu u declinu numericu, a mancanza di figghi e la migrazioni 'n avutri paisi. A cchiù granni comunitati parsi è chidda ri Bombay, ma ci sunnu comunitati puru 'n avutri citati inniani, tra cui Delhi.

U calendariuCancia

Finu a lu XII sèculu tutti li zoroastriani seguivanu u stissu calendariu di 365 jorni, ca era rimastu praticamenti u stissu da la riforma di Ardashir I (226-241). U calendariu per nun cuntimplava a cumpensazioni di li frazioni di jorni du calendariu sulari, cu passàri ddù tempu nun ci fu cchiù currìspunnenza tra i misi e li staggìuni. A nù certu puntu, tra lu 1125 e lu 1250 i parsi agghìunceru nu misi, cùosa però ca nun fu fatta da li avutri zoroastriani.