Partitu cumunista

Un partitu comunista è un partitu politicu ca avi comu scopu u superamentu dill'attuali società capitalista e a costruzioni di na società socialista

Partiti comunisti nu munnuCancia

Stati europei dunni i partiti comunisti su dichiarati fuori liggiCancia

Intra molti Paisi europei dill'ex bloccu sovieticu (di cu 9 su attualmenti parti dill'Unioni Europea) fu vietatu pi liggi costituzionali, nda Carta Costituzionali, l'organizzazioni di partiti comunisti cu l'introduzioni du reatu di apologia du comunismu:

  1.   Estonia
  2.   Lettunia
  3.   Lituania: commetti reatu cu nega o approva i crimini cummissi dall'Unioni Sovietica e da Germania Nazista
  4.   Bulgarìa: nda leggi bulgara (ca fu approvata cu 126 voti a favuri e 5 contrari) veni evidenziatu "u caratteri dill'ideologia comunista ghiunta a u putiri cull'aiutu di na forza straniera, i truppi sovietici, in violazioni da costituzioni", rilivannu comu u socialismu riali, o putiri do 1944 fina o 1989, "conducì u paisi a na catastrofi nazionali"
  5.   Rumanìa

U riatu di apologia du comunismu e di i so simboli è previstu ni i seguenti Stati:

  1.   Pulonia: U 25 settembri 2009, u Parlamentu Polaccu, approvà n'emendamentu a u Codici Penali, quasi all'unanimità, ca vieta a produzioni, a distribuzioni, a vinnita o possessu, in stampa o registrazioni, di tutti i cosi ca ponnu rappresentari simboli fascisti comunisti o di qualchi atru simbolu totalitarista, puru tramiti Internet. I peni pi sti cosi arrivanu fina a 2 anni di reclusioni.
  2.   Ripùbblica Ceca: Do 1 gennaiu 2010, u codici penali da Repubblica Ceca, accussi comu in Slovacchia, prividi a pena detentiva da 6 misi a 3 anni pi chiddri ca neganu, mettinu in dubbiu, approvanu o giustificanu i crimini di li regimi comunisti o nazionalsocialisti.
  3.   Sluvacchia: Nda Slovacchia esistiva già a L. 125/1996 "Ncapu l'immoralità e l'illeggitimità du sistema comunista"; do 1 settembri 2011 ndo codici penali slovaccu vennu ntrodotti dispozioni in basi a quali è passibili di pena detentiva da 6 mesi a 3 anni pi chiddri ca neganu, mettinu in dubbiu, approvanu o giustificanu i crimini di li regimi comunisti e nazionalsocialisti.
  4.   Unghirìa: Do 24 lugliu 2010, cummettinu reatu chiddri ca neganu, mettinu in dubbiu o minimizzanu in pubblicu i crimini cummessi contru a popolazioni da parti du regimi comunista; do 1 gennaiu 2013 è vietatu l'usu pubbicu di denominazioni ligati a li regimi autoritari du XX (vintisimu) secolu ricomprendenti u regime fascista guidatu di Ferenc Szallasi (1944-1945) e u periodu comunista (1948-1990). In particolari, è fattu u divietu di utilizzari "u nomu di li christiani ca iucaru un ruolu di primu pianu na funnazioni. sviluppu o mantenimentu di regimi politici autoritari du XX secolu, o paroli ed espressioni o nomi di organizzazioni ca ponnu essiri direttamenti collegati a li regimi autoritari du XX secolu".
  5.   Giorgia: Nill'aprili du 2014 u governu giorgianu approvà a missa a u bandu di tutti i simboli comunisti.
  6.   Ucraina: Nill'aprili 2015 u parlamentu ucrainu approvà a larga maggioranza (245 voti a favuri ncapu 307 presenti) u progettu di liggi du governu ca metti ncapu u stessu pianu comunismo e nazismo vietannu i loro simboli, la loro propaganda e a negazioni du loro caratteri criminali. I peni previsti pi sti cosi arrivanu fina a 5 anni di reclusioni.

Sunnu stati fatti, inoltre, proposti pi renniri i partiti comunisti fora liggi in Moldavia

In Svizzera u Partitu Comunista fu dichiaratu fora liggi nu 1940 fina a u 2007.