Cunfruntu tra virsioni di "Sant'Annibali Maria Di Francia"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  12 anni fa
nuddu riassuntu dû canciamentu
 
È un Santu parrinu talianu. Terzu fighu di famigha nobili missinisi, quannu era picciriddu riciviu u pirmissu ecceziunali di riciviri a Comunioni ogni jornu e davanti o Sacramentu espostu capiu a nicissitati di priari sempri pi mannari opirai na Messi du Signori, vali a diri pi Vocazioni sacerdotali e religiosi. Fu ordinatu parrinu u 16 marzu 1878. Cocchi misi prima avia ‘ncuntratu un orbu ca dumannava a limosina
no Quartieri Avignuni di Missina, unni c’eranu puvureddi e orfani e cu pirmissu du Viscuvu si stabiliu ddà. Ebbi tanti ‘ncumprinsioni, ma vuleva purtari ‘nsemmula a Palora di diuDiu e l’aiutu pi puvureddi. Cominciò a funnari orfanotrofi, ca chiamò antoniani picchi i misi suttu a prutizioni di S. Antoniu di Padova. Dà uffriu e picciotti na casa, un rifugiu, un travagghiu, una educazioni.
Funnò puru dui Famigghi Riligiusi: no 1887 i “ Fighi du Divinu Zelu ” e no 1897 i
Rugaziunisti, ca ebbiru comu quartu votu chiddu di prijari pi vucazioni.
Utenti anònimu