"San Franciscu d'Assisi" : Diffirenzi ntrê virsioni

nuddu riassuntu dû canciamentu
Nuddu riassuntu dû canciamentu
Nuddu riassuntu dû canciamentu
 
Fighu di Petru Bernarduni di Muricuni e di Pica Bourlemont, fu vattiatu cu nomi di Giuvanni,
ma u patri, ca facìa u cummercianti di panni francischi u chiamò Franciscu. Nò 1199 ci fu a guerra civili a Assisi e tanti famighi si ni jeru a Peruggia. Franciscu facìa na vita spinsirata; studiò u latinu, u vulgari, a musica e u pruvenzali. Duranti a guerra fu fattu prigiunieru e riturnò a sò casa malatu. A Spuletu ebbi n’apparizioni du Signuri e quannu ‘ncuntrò un lebbrosu u vasò. L’amici dicìanu ca era addintatu pazzu, u patri era delusu, specialmentespecialmenti quannu Franciscu vinnìu tutti i robbi da putìa du patri e purtò i picciuli o parrinu di San Damianu.
Ccà ebbiiebbi nautra visioni e ntisi anna vuci chi dicìa: ''“ Franciscu, va ripara a me casa ca sta ghjennu ‘n ruvina”''. Davati o Viscuvu di assisi si spugghiò puru di sò robbi, curò i malati di lebbra a Gubbiu unni ci fu u ‘ncontru cu un lupu ca ammansìu. Accuminciò a riparari a Crisiedda di San Damianu,di San Petru da Spina e di Santa Maria di l’Ancili. Zoccu facìa u fici junciri cu Bernardu di Quintavalli, Petru Cattani, Egidiu e Filippu Longu. Si ninni jeru na chiana di Assisi e si visteru di una tonaca fatta di pezzi di robba. Nò 1209 scriviscrissi a regulaRegula e si fafici arriciviri du Papa ‘Nnuccenzu III ca l’appruvò a vuci. Accuminciaru i cuntatti cu Chiara di Assisi, ca fu vistuta comu iddi pi dari principiu all’Ordini di Poviri Dami di San Damianu, ca doppu a sò morti fori chiamati Clarissi. Papa Onoriu cuncidiu a Franciscu a ‘Ndulgenzia da Purziuncula, ca era a Crisiedda di Santa Maria di l’Ancili. U ContiCunti Urlandu di Chiusi arrialò a Franciscu a muntagna da Verna e ddocu arricicìuarricivìu i stimmatistìmmati da Passioni. O sèguitu di Cruciati partipartìu pa Terrasanta e vaju na l’Eggittu nò sultanu Melek el-Kamel. Na pocu di cumpagni foru ammazzati nò Maroccu. Turnatu a Assisi accuminciaaccuminciò a pridicari u Vangelu pi tutta l’Italia e a Funti Palummu ( RI ) scriviscrissi na nova Regula appruvata du Papa Onoriu III. A Grecciu ( PG ) nò Natali du 1223 fafici u primu Prisepiu. Ebbi prublemi di vista e arricivìu i curi di Chiara e di sò surelli a San Damianu. Ccà scriviscrissi u ''Canticu di Criaturi'', opra di àvuta spiritualitati, cu granni umilitati. Si fafici purtari a Purziuncula e morimurìu a sira du 3 Uttuviri 1226.
Doppu du anni è fattu Santu du Cardinali Ugulinu, ca è addivintatu u Papa Grigoriu IX.
Fu dichiaratu Patronu d’Italia du Papa Piu XII u 18 Jugnu 1939. A festa è u 4 Uttuviri.
448

cuntribbuti