Morgeti

abbiccidariu St'artìculu è scrittu 'n calabrisi di Polistina (RC), vidi '.



I Morgeti (Gr. Mopy□τες, Lat. Morgetes) sugnu nu popolu anticu, chi facianu parti di u gruppu di cosiddetti genti "italichi" chi tro XV secolo a.C., occupparu li ari da Calabbria ionica e Tirrenica.

Mappa du regno di Morgetes di Abraham Ortelius du 1595.[1]
L'Italia secondu i Greci, corrispundi all'attuali Calabbria

Si tratta di unu di tri rami in cui si distinsiru gli Enotri (Itali, Morgeti, Siculi, tutti caratterizzati di na lingua comuni l'Osco).[2][3].

In seguitu sin di gliru finu a u golfo di Taranto ad ovest, e finu o stretto di Messina a sud, per arrivari nell'aria centru orientali da Sicilia stanziandosi tra l'area di Serra d'Orlandu, a Caltagirone, a Morgantina e probabilmenti tra vallata dei margi.

Riferisci Dionigi di Alicarnasso che Antioco di Siracusa ci dici cha gli Enotri sugnu i primi occupatori chi si ricordanu e dici testualmenti:

« […] a terra chi mo si chiama Italia a occupuru anticamenti gli Enotri. Venuti poi a trattari a forma di governu e narrandu comu in chidu tempu Italu era divenutu loru Re e da lui gli abitanti preseru u nomi di Itali, spiega cha successivamenti si chiamaru Morgeti, in quantu Morgete era succedutu suppra u tronu di Italu. Quandu poi Sicelo (Siculu) si trovau comu ospiti di Morgetu, fattu propriu u regnu, divisi a nazioni; Antioco concludi dicendu che pe chistu ragioni gli Enotri si chiamaru successivamenti Itali, Morgeti e Siculi.[4] »


Secondu Antioco di Siracusa, u successuri di Italu fudi Re Morgetu, chi governava l'Italia (dunquei l'odierna Calabbria), sino a quandu chista fudi invasa di Bruzi, nu popolu da l'ignoti origini.

Tra Calabria, si sarebberu stanziati nell'entruterra. Girolamo Marafioti attribuisci a re Morgete a fondazioni du nucleo abitativu di San Giorgio Morgeto e Altanum.[5][6][7]Nel 1595 Abramo Ortelio pubblicau na carta storica du regno dei Morgeti, inserendo Altanum, Medema e Emporum Medeme.[8]

Citazione:Prima però che la nostra Città si fosse ingrandita per le emigrazioni fattevi dà cittadini di Altano, lo era già, come si disse, stato mutato il nome di Morgeto in quello di S. Giorgio. In Domenico Cangemi, Monografia di San Giorgio Morgeto del 1886.


I NotiCancia

  1. Storia. Università degli Studi di Polistena- Riscoperta una mappa del 1595 sul popolo dei Morgetes-Brutii.
  2. De Juliis, op. cit., p. 22.
  3. Giacomo Devoto. Gli antichi Italici. Firenze, Vallecchi, 1977, p. 70.
  4. Dionigi di Alicarnasso in Antioco di Siracusa, riferisci cha gli Enotri sugnu u primu popolu chi si ricordanu, e cha da u figliu di Re Italu poi si chiamaru Morgeti
  5. Template:Cita libro
  6. Storia. Università degli Studi di Polistena- Riscoperta una mappa del 1595 sul popolo dei Morgetes-Brutii.
  7. Giovanni Fiore da Cropani ne “La Calabria Illustrata” (I tomo, 1691: l'opera integrale, in tre tomi, e stata pubblicata presso Rubbettino a cura di Ulderico Nisticò).
  8. I nomi delle seguenti città: Miletus, Vibo Valentia, Sedecula, Lampetes,Hipponum, Medema, Emporum Medeme, Vibnis navale, Herculis portus, Metaurus Stati, Altanum, Oreftis Portus, Taurianum, Scylla, Scylleum, Postropja, Mallie, Decastidium, Columna Regia, Criba, Mamertium, Turres, Subsicium.

Vuci currilatiCancia

  Purtali di la Calabbria – Jiti a l'artìculi di Wikipedia supra la Calabbria.